Ripristino del bacino idrico di Wengen

La località di villeggiatura di Wengen si trova su una soleggiata terrazza protetta dal vento ai piedi della Jungfrau, 400 metri sopra la Valle di Lauterbrunnen, a 1274 m di altitudine. Il luogo è famoso per le ore di sole al di sopra della media. Chiuso al traffico, il villaggio di Wengen è accessibile dal 1893 a bordo della «Wengernalpbahn» che parte da Lauterbrunnen. ­Siamo stati chiamati con l'incarico di ripristinare due serbatoi di acqua potabile.

Reservoir Wengen vor Sanierung

Dopo anni di funzionamento impeccabile, era tempo di ripristinare il serbatoio di acqua potabile di Mesti. L'edificio, con i suoi due serbatoi rotondi di 12 m/500 m3, è stato realizzato nel 1930. C'era la ­necessità di agire a causa di macchie marroni e blande sulla malta a strato sottile e di lavori di pulizia sempre più difficili. La causa di queste macchie è ancora sconosciuta. In linea di principio, il serbatoio sarebbe potuto essere rivestito con un nuovo strato rilegato in cemento. Tuttavia il problema si sarebbe verificato di nuovo. ­Pertanto, l'ente preposto all'approvvigionamento idrico di Wengen ha deciso per un rivestimento in con manto flessibile.

Il project engineering e la direzione dei lavori sono stati assegnati al rinomato studio di ingegneria Sterchi GmbH di Unterseen. Il serbatoio e l’alloggiamento delle valvole a saracinesca sono stati completamente scoperti, sigillati e isolati. Tutte le condutture, le armature, le in­stallazioni elettriche, la verniciatura interna e le attrezzature dell’alloggiamento delle valvole a saracinesca sono stati completamente rinnovati. Le coperture delle camere d'acqua sono state sabbiate all'interno e rivestite con un prodotto a base di cemento.

NeoVac ha ricevuto l'approvazione per il ripristino interno dei due serbatoi e per le necessarie operazioni ­aggiuntive. In questo caso, non esisteva una soluzione sostenibile che non comportasse la separazione delle pareti e del pavimento dall'acqua. Il sistema di sigillatura NeoVac è stato in grado di risolvere questo problema grazie alla pellicola flessibile per acqua potabile a base di poliolefine flessibile (PE). La pellicola ha un'ampia resistenza chimica. Inoltre, questa membrana sigillante in plastica TPO ha un eccellente profilo ecologico.

Caratteristiche del nostro sistema di impermeabilizzazione
• Separazione completa del sottosuolo dall'acqua
• I vecchi sistemi di tenuta possono essere mantenuti
• Le crepe vengono riempite
• Brevi tempi di costruzione senza necessità di ­indurimento e asciugatura
• Indipendenti dalla forma della vasca
• Resistente a tutti i comuni trattamenti delle acque e detergenti
• Soddisfa tutti i requisiti igienici per la qualità dell'acqua potabile
• 10 anni di garanzia sui materiali

Compatibilità ambientale garantita
La pellicola per acqua potabile di NeoVac non contiene solventi, fungicidi, metalli pesanti e plastificanti. È completamente ecologico in termini di produzione, lavo­razione e utilizzo. La pellicola è anche estremamente ­facile da mantenere.

La procedura di ripristino
Prima fase:
i lavori di taglio e perforazione sono stati eseguiti in collaborazione con il project manager, ­responsabile dello studio di ingegneria Sterchi GmbH. Tutte le condutture, le valvole e le armature nell’alloggiamento delle valvole a saracinesca sono state installate di recente.
Seconda fase:
A Oberriet il materiale necessario è stato caricato su
16 pallet e trasportato in camion a Lauterbrunnen alla stazione ferroviaria. Lì, i pallet sono stati ricaricati sul treno per Wengen e dalla stazione di Wengen trasportati con furgoni al serbatoio di Mesti, in una zona molto più a monte di Wengen.

I tagli delle pareti per le porte a pressione e le aperture nei tubi di ingresso dovevano essere rafforzati con lamelle CarboDur a causa di spessori delle pareti insuffi­cienti, secondo gli standard attuali.

Durante il montaggio/installazione delle porte a pres­sione con flangia di serraggio, vetro spia, tergicristalli e chiusura centralizzata, è stata prestata particolare ­attenzione all'adattamento ottimale alle pareti arrotondate della camera.

Sui i vecchi accessi, siamo stati in grado di installare una finestra di vetro trasparente in acciaio al cromo, a foglia singola ed ermetica. La vista nelle camere riempite del serbatoio è possibile in qualsiasi momento.

Dopo aver scattato una foto dell'oggetto, è stato possibile preparare in fabbrica la maggior parte delle parti in PE. Ciò ha ridotto notevolmente i tempi di installazione. I tagli si trovano all'esterno della prima flangia e all'interno secondo le specifiche dell'ingegnere.

Per una buona visione dei lavori di pulizia e per l'ispezione visiva durante il funzionamento, abbiamo installato due plafoniere a LED.

Dettaglio importante per l'installazione dello scarico interstiziale: il sistema di drenaggio tra la struttura e il rivestimento con un tubo in PE da 50 mm nel locale ­tubature garantisce il drenaggio dell'acqua di condensa e di eventuali infiltrazioni d'acqua dall'esterno.

Anche i lavori di riparazione e costruzione sono stati eseguiti da specialisti NeoVac. Ove necessario, sono stati installati rinforzi e nastri espandenti. La cassaforma è stata installata in cavità, condotti a parete e pozzetto riempiti con malta speciale e sono stati riprofilati tutti i dossi.

Dopo aver installato le strisce in velcro (supporto di montaggio durante l'installazione della pellicola), è stato possibile effettuare il drenaggio dell'acqua di ­condensa su tutto il pavimento. Ciò garantisce un rapido drenaggio della condensa nello spazio interstiziale.

Terza fase:
Dopo i lavori preparatori, è stato possibile avviare l'installazione del rivestimento. Per tutti i lavori di ­saldatura e accessori, NeoVac opera rigorosamente ­secondo le linee guida di lavorazione del produttore della pellicola. Il rivestimento è stato steso sulla curvatura del soffitto e i profili in acciaio cromato sono stati montati sulla terminazione del bordo superiore. Alla fine, i nostri specialisti hanno testato le saldature a mano per individuare eventuali perdite utilizzando il ­sistema di sotto vuoto.

Dopo il completamento dei lavori di ristrutturazione, abbiamo iniziato con la prima pulizia e la disinfezione. Entrambi i serbatoi sono stati riempiti. Dopo l'esame della qualità dell'acqua da parte del laboratorio can­tonale, l'impianto è stato in grado di riprendere a ­funzionare dopo quattro settimane di lavori di ristrut­turazione.

alla panoramica